RICICLANDO AD ANDRETTA: SCOPRIAMO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI ANDRETTA - Diritto di Accesso Civico

RICICLANDO AD ANDRETTA: SCOPRIAMO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI ANDRETTA

Posted by on Set 20, 2019 in Post

Come ricicla il Comune di Andretta? Fa una giusta comunicazione?

Lo scopriremo con questa indagine

Andretta è un comune italiano di 1.853 abitanti della provincia di Avellino, in Campania. 

Il paese sorge su un’alta collina che domina l’Appennino e si estende su una superficie di 43,61 km².

Andretta inizia a differenziare i rifiuti nell’anno 1994 facendo installare in diversi punti del paese dei contenitori per separare carta e cartone, plastica, rifiuti indifferenziati, medicinali, vetro, pile esauste e rifiuti derivanti da demolizioni edili. Oltre a questi contenitori vi era sul territorio un’isola ecologica, individuata dal comune, dove portare i rifiuti organici e un sito di raccolta dove, in giorni prestabiliti, lasciare i rifiuti ingombranti.

Nel 1997 inizia la raccolta differenziata porta a porta ma prima e dopo questo evento il paese si trova ad affrontare molti problemi legati ai rifiuti rischiando diverse volte la costruzione di una megadiscarica in loco. Il tutto è raccontato con uno strumento chiamato TIKI TOKI, una piattaforma on line con la quale creare linee temporali attraverso foto, link, video e documenti.

Come ricicla Andretta?

Prendendo in considerazione l’anno 2016 e 2017, come si può vedere dal grafico, il Comune di Andretta è passato da una produzione di 395.120 kg di rifiuti nell’anno 2016 a 372.365 kg prodotti nel 2017. La diminuzione di rifiuti ha fatto scendere anche la quantità differenziata passando da 204.700 kg del 2016 a 203.565 kg del 2017 facendo scendere la percentuale RD dal 59,26% al 54,67% e registrando un -4,59% in un anno.

Secondo il sito orr.regione.campania.it la percentuale RD è scesa di anno in anno passando dal 59,55% del 2014 al 54,67% del 2017 con un calo del 4,88%.

C.E.R. prodotti

Dove vanno i Rifiuti di Andretta? 

Costo raccolta differenziata

Nonostante la spesa di 276.137,00 € la percentuale RD di Andretta si attesta al 54,67%. Mettendo a confronto la percentuale RD del Comune di Andretta con quella del Comune di Baronissi, che mi ospita per la mia carriera universitaria, possiamo notare che il Comune di Baronissi nonostante abbia 15.159 abitanti in più di Andretta, riesce a raggiungere una percentuale RD del 79,31% gestendo 25 C.E.R. (Codice Europeo del Rifiuto), rispetto ai 13 gestiti dal Comune di Andretta.

Il comune di Andretta, nei due anni analizzati, avrebbe potuto guadagnare 6.670,95€ dalla vendita dei rifiuti prodotti.

Il Comune di Andretta è trasparente?

Dal sito la Bussola della Trasparenza, che consente alle pubbliche amministrazioni e ai cittadini di utilizzare strumenti per l’analisi e il monitoraggio dei siti web, possiamo notare che, anche se il sito del comune rispetta 67 sezioni su 80, quando si va a navigare la pagina amministrazione trasparente del sito, troviamo delle sezioni mancanti come per l’URP, sezione in cui non vi sono documenti.

Per migliorare la comunicazione pubblica si potrebbero usare strumenti più adeguati sulla gestione dei rifiuti come la scheda URP, che è uno strumento per rendere ai cittadini un servizio trasparente e rafforzare il rapporto con essi.

Ma come fare a migliorare il tutto?

Secondo una mia valutazione si potrebbe migliorare la raccolta differenziata in tre modi:

1)Migliore comunicazione

2)Miglior suddivisione giorni della settimana

3)Miglior suddivisione dei rifiuti

  1. La comunicazione del Comune di Andretta è quasi inesistente e con avvisi molto confusionari

Per la raccolta differenziata è stato fatto un calendario banale e poco decifrabile. Come si può notare, il calendario risulta inizialmente incompleto, tanto che l’addetto è stato costretto a scrivere a penna le informazioni mancanti

Sicuramente un calendario strutturato in modo migliore avrebbe potuto rendere la raccolta differenziata più semplice ed efficace.

Ne ho realizzato un esempio:

Questo calendario oltre ad essere più intuitivo è anche utile perché aiuta i cittadini a capire come differenziare meglio indicando loro dove vanno conferiti i rifiuti.

Il comune inoltre non distribuisce i sacchetti adeguati, non è raro infatti vedere per strada buste del supermercato utilizzate per contenere i rifiuti. La distribuzione di sacchetti adeguati e suddivisi per colore aiuterebbe i cittadini nella raccolta differenziata rendendo più intuitiva la separazione dei rifiuti.

  1. Bisognerebbe suddividere meglio la raccolta durante i giorni della settimana. In base al calendario la raccolta dei rifiuti indifferenziati avviene il mercoledì per la zona extra urbana e il giovedì per quella urbana. Tutto questo è assurdo, dato che negli altri giorni la raccolta avviene nello stesso giorno per tutto il territorio comunale. Se si facesse tutta il giovedì si potrebbe liberare il mercoledì. Questo ci porta al punto 3.
  1. Avendo il mercoledì libero dalla raccolta, si potrebbe sfruttarlo per separare meglio i rifiuti, magari separando la plastica e lattine, oppure raccogliere a parte qualche rifiuto che al momento viene messo tra gli indifferenziati. 

In conclusione, il comune di Andretta, viste le problematiche affrontate che ho raccontato nel TIKI TOKI, dovrebbe migliorare la raccolta differenziata così da aumentare la propria percentuale RD e diventare un comune veramente virtuoso.