Roccapiemonte: raccolta differenziata e trasparenza

Posted by on Gen 18, 2019 in Blog

Roccapiemonte è un comune italiano di 9.068 abitanti della provincia di Salerno in Campania, appartenente geograficamente all’Agro Nocerino Sarnese.     Come il comune di Roccapiemonte ha curato la raccolta differenziata? Roccapiemonte intraprende la raccolta differenziata nel 2002 con il metodo porta a porta, grazie all’ordinanza sindacale n. 78/2002. Si occupa della raccolta totale dei rifiuti il Consorzio di Bacino Salerno 1, costituito il 2 marzo del 1995. Già nei primi anni, la percentuale RD (Raccolta Differenziata) era positiva, infatti nel 2006, il comune era riuscito a riciclare più del 60% dei rifiuti, nonostante le piccole crisi avvenute in quell’anno.     Una data molto importante per il comune, nell’ambito della raccolta differenziata, è sicuramente il 2008. Infatti nello stesso anno, il Consorzio di Bacino SA/1, per ottimizzare il servizio, ha apportato delle modifiche introducendo un calendario di conferimento dei rifiuti e suddividendo il territorio in due aree. Un’ulteriore innovazione si ha nel 2014 quando l’amministrazione comunale distribuisce i primi sacchetti per rifiuti con codice identificativo con lo scopo di punire chi compie errori. Per controllare lo sviluppo della raccolta differenziata viene istituito un corso di formazione per Ispettori Comunali Ambientali che devono svolgere attività di prevenzione degli illeciti in materia di tutela ambientale. La raccolta differenziata si perfeziona nel 2015, quando la percentuale RD supera il 64%. Il miglioramento è dovuto ai nuovi interventi dell’amministrazione comunale tra i quali: la frazione indifferenziata conferita una volta a settimana; L’istallazione di contenitori per la raccolta degli oli esausti; il cambiamento delle modalità di conferimento del vetro attraverso l’eliminazione delle campane e la raccolta porta a porta dello stesso materiale.     La campagna per il miglioramento degli indici della differenziata continua, visti gli esiti positivi per l’anno 2015. Infatti, nel 2016, la giunta comunale del comune di Roccapiemonte approva il nuovo piano della raccolta dei rifiuti e si assiste ad un progresso per la raccolta differenziata, difatti, la percentuale RD arriva al 73,80%. Per giungere a questo incide, si è scelto di suddividere i materiali raccolti ed in particolare il multi-materiale che è sdoppiato in plastica (raccolta in buste gialle ritirate il giovedì nella zona 1 e il mercoledì nella zona 2) e acciaio e alluminio (raccolti in buste rosa ritirare il lunedì per entrambe le zone). Molto più impegno necessita la raccolta degli oli esausti che presenta nel Comune un indice ancora troppo basso. Per favorire la raccolta degli oli esausti, sono stati approvati degli incentivi che prevedono la distribuzione di una bottiglia di olio extravergine di oliva a chi fornisce almeno 3 litri di oli vegetali esausti. Le bottiglie distribuite, per un totale di 280 euro, sono state fornite dalla società ECOLIT SRL, società con la quale il comune di Roccapiemonte ha un contratto per la raccolta degli oli. La cifra di 280 euro è infatti la stessa che la società darebbe come ristoro al comune per ogni tonnellata di olio...

Read More »